Upcycle | Riparte il 25 ottobre la stagione jazz di Upcycle
Upcycle Milano Bike Café di Milano è il primo bike bistrot d'Italia
upcycle, bike café, bistrot, bike, upcycling, bar, ristorante, milano, restaurant, bici, bicicletta
2977
post-template-default,single,single-post,postid-2977,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Riparte la terza stagione jazz di Upcycle in collaborazione con AREA M il progetto che ha portato in Zona 3 la Musica Jazz e del 900 e, più in particolare, nel Quadrilatero che comprende Città Studi e delimitato da Via Grossich, Viale Romagna, Via Pacini e Viale Argonne.

Questi primissimi mesi di programmazione artistica della stagione 2016/2017 sono stati pensati per dare il giusto spazio a tutte le realtà che animano la vita musicale milanese, dai giovani provenienti dalla fucina dei Civici Corsi di Jazz a grandi nomi del jazz milanese e nazionale.

Saranno 4 gli appuntamenti jazz di questa ultima parte di 2016, per poi proseguire nel 2017.
I possessori di AREA M Card hanno diritto a uno sconto del 10% sulle loro consumazioni da Upcycle.

Ecco i prossimi concerti:

Martedì 25 Ottobre 2016, ore 19.30
Daniele Giugno PICKS&BLOCKS
Daniele Giugno chitarra classica, Gianluca Barbaro flauti dolci: sonorità affini e rare nel panorama jazzistico. Un delicato gioco di equilibrio fra sensibilità e forza, a cui viene aggiunta la maestria e genialità di Riccardo Bianchi alla chitarra; si appropriano di un repertorio selezionato e non comune tratto da tre pianisti e compositori centrali della letteratura  jazzistica: Monk, Evans, Ellington, con incursioni d’autore e di brani tradizionali del jazz europeo anni ’40
Le tematiche originali vengono rispettate, pur introducendo aspetti stilistici differenti, manouche e bossa. Il vivace interplay fra i musicisti rende imprevedibile la performance.

Martedì 29 Novembre 2016, ore 19.30
Nina Simone, la sacerdotessa del Soul
Band tributo alla grande vocalist afroamericana Nina Simone, immensa cantante nonchè eccellente pianista che ha influenzato il panorama jazzistico (e non solo) degli ultimi 50 anni. Si tratta di un repertorio che ripropone i brani più celebri dell’artista, dagli inediti sino ai pezzi che lei stessa ha riproposto come cover e che sono così diventanti veri e propri evergreen come My baby just cares for me, I love you Porgy, I put a spell on you, Strange fruit, I wish I knew how it would feel to be free.
Davide Cabiddu (piano) – Pietro Selvini (sax contralto) – Antonio Bove (contrabbasso) – Fabrizio Carriero (batteria) – Virginia Mai (voce)

Martedì 6 Dicembre 2016, ore 19.30
PU.RA.CA. Hammond Trio: Italia – Stati Uniti andata e ritorno
Questa formazione nasce dall’idea di Andrea Candeloro (piano), Alessio Puccinelli (chitarra) e Matteo Ravelli (batteria) di formare un hammond trio per rispolverare le sonorità calde ed accattivanti che negli anni ’60 hanno dato vita ad un nuovo stile di musica.
Il repertorio del trio trova una linea ben definita quando, oltre all’aggiunta delle canzoni italiane, i tre decidono di analizzare e riproporre i brani che il grande Wes Montgomery Trio suonava ed in particolare vengono aggiunti al repertorio i brani dell’album “A Dynamic new sound” del 1959.
Pu.Ra.Ca ripropone così sia standard della tradizione jazzistica americana sia il blues che sta alla base della cultura musicale afroamericana, senza tralasciare però la melodia della canzone italiana dei primi del ‘900 che si presta ottimamente a questa sonorità datata ma sempre fresca e piena di energia.

Martedì 13 Dicembre 2016, ore 19.30
Meninas
Cartoline musicali in bianco, nero e rosa dal Brasile: un ritratto del paese della saudade, dai contorni sfuocati e malinconici a tratti festosi. Un autentico viaggio guidato dalle sinuose figure femminili che prenderanno per mano gli spettatori catapultandoli nell’universo musicale brasiliano, attraverso brani e racconti dal sapore carioca. L’idea nasce dal progetto di ricerca sulla musica e la cultura brasiliana, fortemente legato all’interpretazione e arricchito da monologhi ispirati alle figure femminili (reali e non) muse dei compositori del XX secolo della MPB (musica popular brasileira). Il concerto viene scandito da un susseguirsi di monologhi che si mescolano a musiche originali per poi sfociare nei più grandi classici della bossa nova, del samba e dello choro.
Giulia Sanna (voce) – Carlo Manzan (chitarra) – Vito Cauli (batteria) – Luca Ceribelli (sax) – Loris Lari (contrabbasso).

image