Upcycle | Dieci anni senza il Pirata
Upcycle Milano Bike Café di Milano è il primo bike bistrot d'Italia
upcycle, bike café, bistrot, bike, upcycling, bar, ristorante, milano, restaurant, bici, bicicletta
1243
post-template-default,single,single-post,postid-1243,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Ucpcyle rende omaggio a Marco Pantani con una serie di videoproiezioni da martedì 11 a sabato 15 febbraio (dalle 18 alle 23).

Parlare di Pantani ormai è diventato un inutile esercizio retorico.
Pantani è stato un mito, una rock star, un omino piccolo che ha fatto ingigantire nove milioni di Italiani in un pomeriggio di luglio.
Parlare di Pantani è come parlare di Coppi.
A volte non siamo capaci di vederli gli eroi quando ce li abbiamo davanti. A volte abbiamo bisogno di tempo e tragedie per capirlo. 
Pantani ha vissuto soltanto trentaquattro anni. Trentaquattro.
E la sua grandezza estrema l’ha regalata, come una candela che brucia da due lati contemporaneamente, in soli tre mesi: da maggio a luglio del 1998.
In quei tre mesi si compì un’impresa di quelle che restano nella storia.
Come i gol di Paolo Rossi e gli slalom spietati di Alberto Tomba.
Troppo grandi per essere capiti subito.
Eppure, chi pedala ti porta nel cuore.

pantani