Upcycle | Libro IL FANTASMA IN BICICLETTA di Enrico Brizzi
Upcycle Milano Bike Café di Milano è il primo bike bistrot d'Italia
upcycle, bike café, bistrot, bike, upcycling, bar, ristorante, milano, restaurant, bici, bicicletta
6241
post-template-default,single,single-post,postid-6241,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Upcycle presenta l’ultimo libro di Enrico Brizzi

Giovedì 19 Maggio 2022 h.19:30
Incontro con Enrico Brizzi
in occasione dell’uscita del suo nuovo libro
IL FANTASMA IN BICICLETTA – All’inseguimento di Giovannino Guareschi (Solferino)
Dialoga con l’autore Giacomo Pellizzari.

Evento in collaborazione con AIDA – Alta Italia da attraversare

Partecipazione con REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA su EVENTBRITE: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-presentazione-libro-il-fantasma-in-bicicletta-di-enrico-brizzi-331903330797
Se vuoi fermarti a cena dopo l’evento ti consigliamo vivamente di prenotare telefonado al numero 02-83428268. Vuoi dare un’occhiata al nostro menu? Eccolo qui.

Primi anni Venti del nuovo Millennio. Il mondo è sprofondato nella paura e nello sconforto, e uno scrittore ha bisogno di essere salvato. È Enrico Brizzi, bloccato in casa in un cupo inverno pandemico mentre aveva progettato di pedalare verso il Mar Nero. A salvarlo è un altro scrittore, Giovannino Guareschi, di cui ritrova provvidenzialmente vecchi libri e il reportage di un viaggio speciale: «il giretto in bicicletta» del 1941, un anello di oltre 1.200 km da Milano alla Riviera romagnola e ritorno via Ferrara, Verona, Lago di Garda. Erano tempi di guerra, scontri politici, fatica culturale: tempi non così diversi dai nostri. E così Brizzi decide di intraprendere a sua volta un doppio viaggio. Uno fisico, insieme ai suoi Forzati della strada, lungo un percorso che ricalca quello di Guareschi. L’altro letterario, sulle tracce di uno scrittore popolare e controverso, la cui vita si intreccia alla storia d’Italia in modo di volta in volta drammatico, umoristico, sentimentale. Per scoprire che, se da allora la nazione è assai cambiata, il «mondo piccolo» e i suoi abitanti sono ancora lì, a giocare a nascondino sotto il velo della modernità.
La vicenda umana, editoriale e politica di Giovannino Guareschi si ricollega così all’avventura ciclistica di Brizzi attraverso luoghi che appartengono a entrambi. Questo incontro produce un Big Bang inatteso, da cui prende forma un’opera che non è biografia né reportage, ma vero romanzo di formazione nazionale in cui giocano il loro ruolo Zavattini e Malaparte, Longanesi e Pasolini, le riviste satiriche e i fogli di partito, i cinegiornali e Carosello. Nell’ordito fine di questa narrazione corrono i fili che, ieri come oggi, ci tengono insieme: la forza delle radici e le ambizioni metropolitane, l’arte e le ideologie, l’anticonformismo e la menzogna. Due scrittori, due vite, due biciclette e un Paese solo, il nostro.

____________

ENRICO BRIZZI, ha debuttato nel 1994 con il romanzo Jack Frusciante è uscito dal gruppo, e si è affermato come narratore di viaggio grazie a libri ispirati ai suoi percorsi sulle grandi rotte dei camminatori: Nessuno lo saprà (2005), Il pellegrino dalle braccia d’inchiostro (2007), Gli Psicoatleti (2011), Il sogno del drago (2017), Il diavolo in Terrasanta (2019) e L’estate del gigante (2020). All’amore per le due ruote ha dedicato Di furore e lealtà (2014), la biografia di Vincenzo Nibali scritta a quattro mani col campione siciliano, e In piedi sui pedali, premio Bancarella Sport nel 2015. Con Solferino ha pubblicato Buone notizie dal Vecchio Mondo. Viaggio a due ruote lungo il Danubio (2020).